giovedì 14 agosto 2008

pall mall.....


Uno, nessuno e centomila…così è se vi pare…teorie bergsoniane e presupposti junghiani…..ma quante vite possiamo vivere?quante volte siamo capaci di reinventarci dal nulla? E quante porte possiamo chiudere, quante città lasciare alle spalle, quanti numeri di telefono e abitudini dimenticare?
Sono maschere che abbandoniamo, o pezzetti di vita e identità arrivate alla data di scadenza?siamo più veri e vicini a noi stessi, o solo più abili e creativi?
Spirale gnoseologico-ontologica platonica, o più moderno consumismo usa e getta??

Nel frattempo, p.p. dorme, e io avvolgo le mie seghe mentali nel fumo della sigaretta….

2 commenti:

Athos ha detto...

dopo 3 mesi di faccia a faccia con l'oceano su una spiaggia deserta, sto cominciando a delineare la mia faccia senza maschera. Esperienza terribile...

giulia ha detto...

sarà dura
chissà, forse nemmeno sul letto di morte sapremo chi siamo...
...
una sigaretta aiuta, altrochè...